Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web

Italian English French German Spanish Russian Chinese Japanese

Arriva a Bari Dodecà, il format edlp di Multicedi

dodeca multicedi 1Multicedi continua la sua espansione in Puglia. Dopo le sei aperture a marchio Decò di aprile, il Gruppo – leader della GDO in Campania e tra i principali nel centro sud – inaugura venerdì 7 maggio un nuovo punto vendita Dodecà nel cuore di Bari. Il nuovo punto vendita sorge in Corso Vittorio Emanuele II, 70. Nei primi tre giorni di attività – 7, 8 e 9 maggio – il punto vendita offrirà ai clienti uno sconto di benvenuto del 10% su tutta la spesa. In 700mq di superficie, il punto di vendita offre un assortimento vicino alle 6000 referenze, di cui circa 900 a marchio Decò. Spiccata la vocazione al mondo del fresco che Dodecà esprime in più reparti, a partire dalla macelleria, fiore all’occhiello dell’intero punto vendita: altissima la qualità dell’offerta e molti i tipi di lavorazione delle carni, con particolare attenzione a tagli e razze pregiate. Decisamente varia la scelta anche in altri reparti freschi, quali l’ortofrutta e il reparto salumi e formaggi, dove il consumatore può attingere a squisitezze locali e non solo. L’enoteca offre in vendita etichette di pregio; la Puglia è senz’altro grande protagonista, ma non mancano peculiarità di altre regioni e un rilevante assortimento di distillati. Tra le peculiarità del punto vendita rientrano il bar e il ristorante: ogni giorno lo chef propone piatti d’autore e un menù sempre diverso, con un occhio alla cultura locale e una forte impronta gourmand. Il ristorante è in grado di accontentare anche i clienti più esigenti, grazie alla possibilità di accogliere richieste fuori menu; inoltre, è organizzato per consegnare a domicilio pasti, sia a colazione, sia a pranzo, in forma totalmente gratuita in tutto il circondario. Non appena sarà possibile riprendere a pieno ritmo le attività di ristorazione, il punto vendita potrà peraltro accogliere i propri clienti al bancone del bar, dove sarà possibile consumare colazioni golose, aperitivi o una bottiglia di vino, e nel giardinetto, spazio ricavato in un’area raccolta del supermercato e destinato alla consumazione dei piatti proposti dal ristorante. In punto vendita è attivo anche un servizio di consegna a domicilio. 

“Lo sviluppo in Puglia della nostra azienda è parte di un piano strategico di espansione territoriale iniziato circa due anni fa e solo parzialmente ritardato dagli effetti della pandemia – spiega Giuseppe D’Angelo, Direttore Generale Multicedi – Il programma prevede l’impiego di risorse per la crescita anche nelle altre regioni limitrofe alla Campania, come Lazio, Abruzzo, Basilicata e Molise. In Puglia, già da mesi, abbiamo tessuto una serie di partnership che consolideranno la nostra presenza nel territorio, con almeno 30 negozi entro quest’anno. Abbiamo programmato anche investimenti immobiliari per la realizzazione di asset commerciali in alcune zone strategiche. Ciò compulserà in modo endogeno la crescita della quota di mercato nel territorio dei nostri brand. Da questa settimana – prosegue D’Angelo – saremo presenti in Puglia anche con il nostro format più giovane, a insegna Dodecà, che in Campania sta già registrando risultati lusinghieri. Parliamo di un EDLP moderno, che amplia il panel dell’offerta alla clientela aggiungendo anche servizi tipici della ristorazione. L’assortimento è studiato e centrato sulla soddisfazione di un mix di bisogni tra loro complementari ed è destinato a un consumatore esigente, che dedica molta attenzione ai prodotti freschi e al livello di servizio a essi riservato. Il nostro è un consumatore con una necessità di spesa veloce, ma allo stesso tempo trasparente, poiché lontana dallo stress legato all’acquisizione della consapevolezza di risparmio, che sostituisce con la consapevolezza di convenienza, acquisita in un’accezione ampia, non solo economica, ma anche qualitativa. Tutto ciò – conclude D’Angelo – punta a fidelizzare la scelta del consumatore all’insegna, al negozio fisico e al mix di contenuti che esso offre, prima ancora che alle singole marche di prodotto presenti sullo scaffale, che diventano solo parte di un progetto più ampio di relazione con il consumatore.” Nella vigenza delle norme anticontagio, il punto vendita sarà aperto dal lunedì al sabato dalle 8 alle 21.30 e alla domenica dalle 8.30 alle 13.30. Il mercoledì, giornata dedicata agli over-65, con uno sconto del 10% a loro dedicato su tutta la spesa.

 

Multicedi, nata nel 1993 a Pastorano (CE) per iniziativa di un gruppo di imprenditori campani, è oggi una realtà di punta della GDO del Centro-Sud Italia, principalmente in Campania. Stando agli ultimi dati Nielsen - GNLC di febbraio 2021, Multicedi ha in Campania una quota di mercato del 14,8%, considerando tutti i format: Iper, Super e Liberi Servizi e Discount. La quota sale al 18,7% nel mercato che considera soltanto Iper, Super e Liberi Servizi. Nel 2020, ha registrato un fatturato di oltre 1,3 miliardi di euro, con Decò più i 5 marchi insegna di proprietà: Adhoc Cash&Carry, Ayoka e i più recenti format Dodecà, SuperRisparmioso e Sebòn. Nel 2020, con il partner Gruppo Arena, dà vita a Decò Italia, società consortile che gestisce l’insegna Decò, unitamente al mondo della Marca Privata, per i circa 600 punti vendita dell’intero network. In termini di occupazione, il Gruppo impiega 800 dipendenti diretti ed un indotto di altre 4.500 famiglie. Multicedi srl porta con sé, oltre ai marchi succitati di cui è diretta proprietaria, anche i punti vendita Flor do Cafè. Nel gennaio del 2016, Multicedi è entrata a far parte del Gruppo VèGè per la creazione del più grande network italiano nelle attività di convenience, con oltre 3.500 pdv a varie insegne coinvolti.