Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web

Italian English French German Spanish Russian Chinese Japanese

Gruppo Gabrielli aderisce all'iniziativa "M'illumino di meno 2019"

gabrielli logo nuovo 1In tutti gli Oasi e Tigre del Gruppo Gabrielli nelle regioni Marche Abruzzo Umbria Molise e Lazio, ci sarà il “silenzio energetico” in occasione dell'edizione 2019 di M'Illumino di meno del prossimo 1° marzo. Lo spegnimento simbolico delle luci in  200  store, conferma l'impegno e la vocazione green dell'azienda che da sempre ha a cuore l'ambiente. Da anni ormai i punti di vendita sono in classe A+ , senza consumo di suolo e dotati di accorgimenti green. Superstore e supermercati  si fanno moltiplicatori di buone pratiche sostenibili non solo in ambito energetico, ma anche comportamentali e sociali.
Recentemente infatti Legambiente Marche ha conferito al Gruppo Gabrielli il premio “Ridurre si può nelle Marche” per l'impegno speso accanto al Banco Alimentare concretizzando il circuito dell' economia circolare che genera la pratica del dono. Dal 2010 l'azienda dona quotidianamente e in maniera capillare alle strutture accreditate alla onlus, le referenze invendute per motivi commerciali che sono ancora perfettamente edibili dal punto di vista organolettico.
“Il silenzio energetico è un silenzio sul rumore generato dall'abuso che, con pratiche sbagliate, abbiamo accumulato come società negli anni nei confronti dell'ambiente – ha detto Barbara Gabrielli vicepresidente del Gruppo Gabrielli – ma non è mai tardi per acquietare gli eccessi soprattutto rivolgendo lo sguardo alle giovani generazioni. Anche quest'anno aderiamo a M'Illumino di Meno per confermare la nostra vicinanza a chi non smette mai di diffondere corrette abitudini comportamentali di cui beneficeremo tutti”.