Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web

Italian English French German Spanish Russian Chinese Japanese

Oasi e Tigre aderiscono a “M'Illumino di meno edizione 2020”

MilluminoDiMeno 2020 artASCOLI PICENO – Anche quest'anno, tutti gli Oasi e Tigre del Gruppo Gabrielli nelle regioni Marche Abruzzo Umbria Molise e Lazio, aderiranno al “silenzio energetico” in occasione dell'edizione 2020 di M'Illumino di meno. Il prossimo 6 marzo dalle ore 18.00 alle ore 19.00, la riduzione dell'intensità luminosa negli store ribadisce la volontà dell’azienda di partecipare alla sensibilizzazione sul tema, cosciente del suo ruolo e dell'importanza di applicare in primis accortezze ecosostenibili che possono incentivare una emulazione da parte dei clienti nella propria quotidianità, o rafforzare in essi un comportamento già radicato.
Già oggi c’è da parte dell’azienda un atteggiamento concreto verso la tutela dell’ambiente : tutti i nuovi punti di vendita sono in classe energetica A+ , producono parte della loro energia da fonti alternative , dispongono di sistemi di monitoraggio dei consumi energetici e di nuovi sistemi di illuminazione e generazione di calore. Nel contempo è in atto un forte investimento per rendere più moderne ed efficienti le strutture del Gruppo Gabrielli , già esistenti.
“Il sovraccarico di eccedenze di ogni genere ha compromesso la salubrità ambientale e la cronaca lo testimonia ogni giorno – ha detto Barbara Gabrielli vicepresidente del Gruppo Gabrielli – compito di noi tutti è stimolare il cambiamento dando l'esempio soprattutto in relazione alle giovani generazioni. Le azioni semplici posso spesso rivelarsi le più efficaci per adottare nuovi modi di relazionarsi nei confronti dell'ecosostenibilità a 360 gradi”.