Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web

Italian English French German Spanish Russian Chinese Japanese

La sostenibilità nel digital retail in 5 punti: Perché l’eCommerce è il futuro della distribuzione

restore barbara 1L’evoluzione del largo consumo vira sempre più verso la sostenibilità e i retailer sono all’opera per individuare soluzioni e mezzi, anche tecnologici, per coinvolgere il consumatore che ormai è digitale. L’eCommerce, in questo contesto, ha assunto un ruolo di affiancamento del punto vendita fisico, con una connotazione sorprendentemente rivolta al sostenibile.
Il digital retail nell’immaginario collettivo spaventa ancora, disegnando per molti uno scenario negativo: riduzione dei posti di lavoro, cannibalizzazione del fatturato dei punti vendita, alienazione del consumatore e perdita di contatto umano con il cliente.
Nulla di più lontano dal vero. Sebbene i consumatori preferiscano ancora il canale tradizionale per i loro acquisti, l’eCommerce diventa alleato e si trasforma in un motore di crescita e innovazione in ambito retail per diverse ragioni: non sostituisce i punti vendita fisici, ma li affianca, creando nuovi posti di lavoro, come i picker, i dipendenti che preparano le buste delle spesa da consegnare al cliente finale; non aumenta i gap tecno-sociali, ma semplifica le possibilità d’accesso ai beni di prima necessità per anziani, disabili e famiglie con bambini piccoli, grazie al servizio di consegna a domicilio; non isola infine il consumatore, ma gli restituisce la sua risorsa più preziosa, il tempo. È sufficiente un calcolo veloce per rendersi conto di quante ore richieda fare la spesa: in media il consumatore impiega 69 minuti della propria settimana tra negozi di alimentari e supermercati, dove si reca 1,6 volte a settimana percorrendo un tragitto medio di 12,5 minuti, che raddoppia tra andata e ritorno. La spesa online diventa così uno strumento prezioso, consentendo di risparmiare un totale di 4 giorni per ogni anno della propria vita.
È di questa opinione anche ReStore, da anni a fianco dei maggiori operatori della GDO che desiderano soddisfare i propri clienti con un’offerta di servizi anche e soprattutto digitali. “Recentemente Esselunga, uno dei maggiori player italiani della distribuzione organizzata, dopo aver scommesso per anni sull’eCommerce, si presenta con uno spot TV dedicato, primo tra i grandi operatori della GDO a investire e credere fortemente sulla propria leadership nel mondo del digital retail e sulla rilevanza del servizio stesso. Questa è una novità assoluta, segno che finalmente i tempi stanno cambiando anche in Italia e indicazione per tutti di quella che sarà la via del futuro per il settore”, ha recentemente sottolineato Barbara Labate, CEO di ReStore. “In ReStore crediamo che l’eCommerce non sia solo un modello di business a supporto di quello tradizionale, ma una grande occasione per indirizzare il comparto della grande distribuzione verso un modello di Sviluppo Sostenibile che possa portare benefici a tutte le parti coinvolte. In questo senso, se vogliamo, l’eCommerce può aiutare la GDO a farsi apripista di quella trasformazione del mondo annunciata con le 17 linee guida dell’ONU nell’Agenda 2030”.
Infatti, diversi tra gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs ) sono compatibili con i servizi e le attività propri degli online store, i quali:
· Estendono notevolmente la soglia d’accesso ai beni di prima necessità, aumentando la sicurezza alimentare per molti e migliorando le possibilità di nutrizione di ampi gruppi sociali, perché pensati per raggiungere chiunque, ovunque. In questo senso, possono virtualmente ridurre anche l’ineguaglianza all’interno di e fra le nazioni (Obiettivo 2 e Obiettivo 10);
· Assicurano la salute e il benessere perché nascono per agevolare quelle persone che, per i motivi più vari – quali l’età e l’infermità fisica – non hanno la possibilità di recarsi presso i punti vendita; inoltre, riducono considerevolmente l’inquinamento in quanto invece dello spostamento di più auto è previsto solo l’utilizzo del camion delle consegne, che in molti casi è anche ecologico (Obiettivo 3);
· Incentivano una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile perché creano nuovi posti di lavoro. Inoltre, permettono un’occupazione piena e produttiva oltre che un’attività lavorativa dignitosa per tutti, compresi giovani o donne che hanno difficoltà a trovare lavoro o a rientrare nel mondo professionale (Obiettivo 5 e Obiettivo 8);
· Contribuiscono a trasformare le città in ambienti inclusivi e sostenibili in cui le disuguaglianze vengono ridotte, perché essendo concepiti come sistemi “democratici” assicurano che le pari opportunità di accesso ai servizi siano la norma per tutti. (Obiettivo 11) · Promuovono azioni per combattere il cambiamento climatico attraverso un uso consapevole della tecnologia, la quale porta ad acquistare solo quello di cui realmente si ha bisogno e permettendo di conservare ed utilizzare in modo durevole le risorse naturali (terrestri e marine). (Obiettivo 13, Obiettivo 14 e Obiettivo 15).
Quella di ReStore è dunque un’idea molto semplice: l’eCommerce GDO è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità fedele all’idea di un futuro improntato a resilienza e salvaguardia economica, sociale ed ambientale, esattamente come suggerito dalle Nazioni Unite.
ReStore è un’azienda leader nell’e-commerce per la grande distruzione (GDO). Circa il 30% del mercato online del grocery in Italia usa la piattaforma di eCommerce e i servizi i digital marketing di ReStore.
L’azienda è composta da un team di professionisti nel settore del Marketing, Architetture IT scalabili e cloud, UX e sviluppo di nuovo business.